Mercedes
Mercedes-Benz torna protagonista a Company car drive

Mercedes-Benz torna protagonista a Company car drive

Mercedes-Benz torna protagonista a "Company car drive", il principale evento italiano dedicato al fleet management, in programma il 18 e 19 maggio all'Autodromo di Monza. Una nuova opportunità per incontrare i principali player del settore e condividere la strategia di mobilità della Stella nel mondo delle company car.

Tra gli highlight dell'evento, la nuova Mercedes EQE, il nuovo volto della berlina business che porta nel futuro tutti gli elementi di forza della berlina tradizionale rinnovandoli attraverso un design più sportivo, una maggiore abitabilità e un TCO che, sfruttando tutti i vantaggi dell'elettrificazione, risulta ancora più competitivo rispetto ad una Classe E. Sotto i riflettori anche la nuova Classe C All-Terrain e la gamma mild e plug-in hybrid della Stella, i migliori alleati per accompagnare la transizione ecologica. Il 18 e 19 maggio il mondo delle flotte si è dato appuntamento a "Company car drive", l'occasione per fare il punto su prodotti e strategie legate al canale fleet. Mobilità del futuro e transizione ecologica sono i principali driver della presenza di #mercedesbenz Italia all'edizione 2022.

“Il Company car drive è per noi un'importante occasione di confronto e condivisione. Una fase di transizione verso le motorizzazioni full electric in cui dobbiamo essere più che mai vicini alle necessità dei nostri clienti, per accompagnarli in un passaggio coerente ed efficace alle nuove tecnologie in cui le motorizzazioni mild e plug-in hybrid rappresentano i migliori alleati”, ha dichiarato Christian Catini, Responsabile Flotte Mercedes-Benz Italia. “È per questo che oggi affianchiamo alla nostra offerta di prodotti ibridi un portafoglio di modelli 100% elettrici in grado di soddisfare le esigenze un'ampia tipologia di clienti: dalle berline ai SUV, passando per le citycar. Prodotti che iniziano ad essere particolarmente interessanti per il canale business, come è emerso da un recente confronto del TCO tra la nuova EQE e la Classe E, la nostra berlina per eccellenza. Prendendo in analisi tutte le voci di spesa, dal canone leasing ai costi di alimentazione, la EQE, in una simulazione di utilizzo business, pur partendo da un costo iniziale decisamente superiore è risultata più conveniente.”

EQE è il secondo modello, dopo l'ammiraglia EQS, basato sulla nuova piattaforma elettrica EVA2, dedicata ai segmenti superiori. I siti di produzione saranno Brema, per il mercato mondiale, e Pechino, per il mercato cinese. EQE 350+ (WLTP: consumo di corrente combinato: 18,7-15,9 kWh/100 km; emissioni di CO2 combinate: 0 g/km) da 215 kW garantisce un'autonomia massima di 654 chilometri nel ciclo WLTP1. I prezzi partono da 93.017 euro per la versione di lancio, la EQE 350+ Launch Edition e 116.142 euro per la Mercedes-AMG EQE 43 4MATIC. EQE è più compatta di EQS e, con 3.120 millimetri, ha un passo più corto di 90 millimetri. Per dimensioni esterne è assimilabile a CLS, con la quale ha in comune anche la struttura con lunotto fisso e cofano del bagagliaio al posto del portellone posteriore.

Le dimensioni dell'abitacolo superano di netto persino quelle dell'attuale Classe E (Serie 213), ad esempio per lo spazio all'altezza delle spalle nel vano anteriore (+27 mm) e per la lunghezza dell'abitacolo (+80 mm). La posizione dei sedili è più alta e dominante (+65 mm). Il bagagliaio ha un volume di 430 litri. Il design degli interni e gli equipaggiamenti si ispirano fortemente a EQS, tanto che per la maggior parte dei modelli sono disponibili a richiesta l'MBUX Hyperscreen e l'asse posteriore sterzante. Per comfort acustico e vibrazionale (NVH), EQE è una delle migliori della categoria. La navigazione con Electric Intelligence programma il percorso più comodo e veloce, pause di ricarica incluse, sulla base di numerosi fattori, e reagisce in modo dinamico alle code o ad una variazione dello stile di guida. Essa comprende ad esempio una visualizzazione nel sistema di Infotainment MBUX (Mercedes-Benz User Experience) che indica se la capacità della batteria disponibile è sufficiente per tornare al punto di partenza senza ricaricare. Nel calcolo del percorso viene data la preferenza alle stazioni di ricarica aggiunte manualmente e il conducente può escludere una o più stazioni di ricarica suggerite in automatico. Il sistema calcola anche i costi di ricarica stimati per ogni sosta di rifornimento.